Translate

domenica 3 agosto 2014

 I NEURONI SI RIGENERANO !

La scienza non è nient'altro che molte risposte facili a domande difficili.
neurone

 

Il cervello, la grande incognita del nostro corpo, è una struttura la cui complessità rende lo studio delle loro prestazioni gravi limitazioni che portano alla scoperta di nuove tecniche diagnostiche e trattamento riguardi. Una situazione che è diventata oggetto di mitiche hanno cercato invano ed erroneamente sostengono, tra l'altro, l'impatto di certe abitudini e degli eventi estesi nella società. Grazie al lavoro dei nostri scienziati accattivante realtà del cervello comincia a prendere dimensioni accurate scientificamente verificabile demistificare le idee preconcette che si sono diffuse solo malintesi e confusioni generate.


José Manuel García-Verdugo è uno scienziato di fama mondiale scoperto nel cervello hanno cellule staminali, con la possibilità che in un futuro non troppo lontano è quello di stabilire un rapporto tra coloro che muoiono da invecchiamento o un trauma per il trattamento di anomalie che oggi mancanza di soluzione.

Ascoltare le argomentazioni del dottor Garcia circa la sua ricerca e il futuro impatto che può avere: 

Impressionante, vero?

La verità è che questo è un passo in avanti, dimostrando definitivamente che i neuroni si rigenerano offerte irrevocabili speranza di prosperità nello studio delle malattie neurologiche che attualmente hanno solo trattamenti palliativi.Tuttavia, è una scoperta che frutti saranno ottenute in futuro . Dr. Garcia afferma chiaramente che "sappiamo solo poche sillabe e abbiamo molto da unire, forme di parole e di raggiungere un dialogo con il cellulare".

Da qui non posso fare a meno di congratularmi e ringraziare il dottor Garcia e il suo team di lavoro per la loro dedizione, la loro perseveranza e le avversità non permettono ai loro sforzi per ridurre qualsiasi cosa dare alle persone la speranza e la pace che ieri ha visto la vita con pessimismo e frustrazione ma domani può vedere l'altro colore.

Rigenerare i neuroni danneggiati con il trattamento, l'esercizio quotidiano e nuovi farmaci

In precedenza si riteneva che l'uomo ha concluso la sua vita con un ictus o un attacco simile. Oggi, la neurobiologia, scienza quasi sconosciuta, ci dice di non farlo. Neuroni in coltura, rigenerano e vivono in età adulta.

Fino al secolo scorso si riteneva che chi ha subito un ictus o un attacco simile è stato condannato a vita a subire la conseguente perdita di neuroni. Per sempre ...

più tardi, nel XX secolo, si è constatato che una cosa del genere non era corretta e che sia gli adulti che come in tutti i primati e topi nascita soprattutto nuovi neuroni dell'ippocampo, la regione del cervello dedicata alla memoria possibile. Un team di neurobiologi presso l'Ospedale Universitario di Erlangen (Germania) hanno studiato 23 pazienti affetti da epilessia grave, di cui undici mantenuto memoria normale e di altri dodici memoria era notevolmente deteriorate.

Questi pazienti sono stati sottoposti a trattamento, e come abbiamo effettuato l'ablazione di parti del cervello, i ricercatori sono riusciti a prelevare campioni di cellule chiamate " precursore "dell'ippocampo e coltivate in vitro. Risultato: le cellule degli undici pazienti con disturbi della memoria si erano moltiplicate e sono state massicciamente trasformati in nuovi neuroni, sigillando il legame diretto tra la memoria e la creazione di nuovi neuroni.

Così i neuroni possono dire quasi come vecchi soldati, "non morirà mai". A meno che non si lascia morire. C'è sempre la speranza per oggi emiplegico, epilettici, aggredito dal fantasma di Alzheimer ...

Tutto questo è stato confermato la rivista leader Science, in uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Auckland, e l'Accademia Sahlgrenska di Goteborg ha confermato che il cervello umano adulto produce nuovi neuroni. Fino ad ora si sapeva che altri mammiferi erano in grado di fare, ma non era stato dimostrato negli esseri umani. Il determinata area dove viene rigenerato nel bulbo olfattivo.

Questo fenomeno, noto come neurogenesi continua per tutta la vita al sistema nervoso centrale della maggior parte dei mammiferi, e sono stati trovati utilizzando più strumenti, compresa la microscopia elettronica a trasmissione e immagini di risonanza magnetica alta risoluzione, fino a identificare questa attività neuronale nell'uomo.

L'esercizio fisico, una vita nel mare dei neuroni

Gli effetti benefici dell'esercizio fisico sulla funzione cerebrale è stata dimostrata nei ratti come animali da esperimento e nell'uomo; "L'attività fisica, aerobica e disciplinato quando si avvantaggia il cervello" ( Insegnante Blog Cristobal Pera, 28 settembre 2009 ). Durante l'ultimo decennio, l'interesse si è concentrato sulla ricerca di ciò che sono i meccanismi che trasformano l'attività fisica nel migliorare la funzione cognitiva del cervello sono.

In un testo pubblicato sul " New York Times ", dal titolo" Your Brain on Exercise "Gretchen Reynolds chiede: 

Che cosa succede all'interno del vostro cervello quando ci si allena? "(" Che cosa succede nel cervello quando si esercita? "), una domanda simile che è stato formulato Cristobal Pera nel suo blog l'anno scorso.

I risultati di uno studio pubblicato sulla rivista " Cell Stem Cell "da un gruppo di ricercatori guidato da Fred H Gage, del Salk Institute for Biological Studies (Salk Institute for Biological Studies), La Jolla, in California, gli scienziati particolarmente interessati da parte delle cellule staminali neurali, era rivoluzionario nel campo delle neuroscienze. Ha dato risposte alla domanda circa i meccanismi molecolari del rapporto tra esercizio fisico e la funzione del cervello migliorata.

Partecipano allo studio illustri ricercatori di istituti, centri e università biologia cellulare Madrid, Valencia e Barcellona.

Questa evidenza studio per indicare che il miglioramento della funzione cerebrale cognitivo associato con l'esercizio fisico sembra dipendere dalla attivazione delle cellule staminali neurali, finora "riposo", situato nell'ippocampo del cervello adulto, un'attivazione che dà luogo a sviluppo di nuovi neuroni. Che ha coinciso con lo studio di scienziati tedeschi presso l'Ospedale Universitario di Erlangen.

Fino al 1998, Fred H. Gage se stesso, in collaborazione con l'Ospedale di Peter Eriksson, Göteborg University, ha scoperto che il cervello umano produce nuovi neuroni in età adulta, è stato considerato quasi come un dogma che gli esseri umani al momento della nascita erano già nei loro cervelli tutti i neuroni in cui potrebbero avere per tutta la vita. Il ritmo di questa neurogenesi verrebbe regolato dallo stile di vita della persona, al punto che potrebbe modellare la struttura del cervello stesso.

Oggi sappiamo che nel cervello di cellule staminali neurali adulte "si dorme"senza dividere, in uno stato che è stato descritto come" supportata "a causa dell'azione inibitoria sulla neurogenesi del BMP (bone proteina morfogenetica), una citochina che si lega ai recettori sulla membrana di cellule staminali del caso.

Le proteine ​​Noggin blocchi staminali antiproliferation cellulare

Cosa è stato ora dimostrato, da Fred H. Gage e il suo gruppo, è che l'effetto benefico di regolare esercizio fisico sulla funzione cognitiva del cervello è perché stimola il rilascio di un'altra proteina chiamata Noggin (NOG), che funge antagonista BMP, bloccando l'effetto antiproliferativo sulle cellule staminali.

In presenza di proteine ​​NOG, cellule staminali, liberati dall'azione inibitoria di BMP è " sveglia "e cominciare a dividersi, generando nuovi neuroni. Inizia neurogenesi, che è intermittente durante l'età adulta.

Questa intermittenza di neurogenesi sembra essere il risultato di un equilibrio instabile tra le azioni di entrambe le proteine: mentre inibisce il segnale BMP protegge il cervello da eccesso di produzione di nuovi neuroni, l'azione antagonista di NOG, senza freno BMP, tende ad esaurire prima del tempo, limitati finanziamenti disponibili per le cellule staminali nel cervello adulto.

Esercizio quotidiano è il fondamento della riabilitazione personale e neurali. costanza e giocherà un ruolo e, in definitiva, i nuovi farmaci sono
Puoi provare anche a mantenere un equilibrio tra esercizio fisico, l'invecchiamento e la formazione di nuovi neuroni, come il giro paraippocampale, salotto cerebrale dove la maggior parte delle cellule staminali neurali, è particolarmente vulnerabile al deterioramento vecchiaia.



Questi risultati interessanti sui meccanismi molecolari che trasformano quello che è un comportamento di esercitare regolarmente in un vantaggio biologico-la generazione di nuovi neuroni nella vita adulta - sono molto rilevanti quando impegno per una cultura della salute come progetto pedagogico.

Per consigli e suggerimenti, tutti i giorni, trasmesso, su come vivere una vita sana, essere assunta in pratica dalla popolazione a cui si rivolgono, si basa sui dati ottenuti da una metodologia esigente e pubblicati in prestigiose riviste scientifiche, non di comunicati stampa frivoli, per lo più carichi di conflitti di interesse.

Non c'è dubbio che se la raccomandazione di fare regolare esercizio fisico per mantenere la migliore possibile, blocchi funzionali del cervello fondamento delle scoperte scientifiche, come abbiamo riportato, la probabilità di essere accettati e applicati da coloro ai quali si rivolge è aumentato in modo significativo.

Sostanze chimiche che stimolano la nascita di nuovi neuroni

Gli scienziati della University of Texas Southwestern, negli Stati Uniti, hanno identificato una sostanza chimica ( P7C3 ) provocando la nascita di nuovi neuroni nel cervello, agendo in particolare sulla regione del cervello in cui l'apprendimento e stare memoria.

La scoperta, riportata sulla rivista " Cell Stem Cell ", è stato raggiunto dopo il test 1.000 diverse sostanze nel cervello di topi. Quella era la speranza di creare nuovi farmaci per il morbo di Alzheimer e le altre demenze. Secondo il ricercatore Texas Steven McKnight, "in realtà questo gruppo di ricerca non sapeva se questi test si tradurrebbe in una sostanza utile o non sono stati fortunati. Ha risposto"  "

Per Andrew Pieper, uno dei ricercatori di questa università, "ha avuto poche opzioni ma sapevano che se avessero trovato qualcosa che potrebbe testare la sostanza anche la pena di vivere gli animali."

McKnight e Pieper si sono ispirati a condurre questo studio che il cervello dei mammiferi continua a introdurre nuovi neuroni in età adulta. La questione era se ci fosse un modo per incoraggiare la crescita di queste cellule per ottenere benefici per il corpo.

Sviluppo di una indagine complessa

I ricercatori hanno testato prima nei topi otto composti che sembravano per aiutare la formazione di neuroni in una specifica regione cd giro di spin-noto cerebrali generano nuovi neuroni negli adulti. Di questi otto prodotti chimici, ha scelto di concentrare la loro attenzione chiamato P7C3, basato sul resto delle loro note proprietà benefiche.

Per assicurarsi che ha funzionato, testato in topi portatori di una mutazione che ha fatto quasi tutto incapace di produrre nuovi neuroni nella regione circonvoluzione importanti trasformandoli.

"Questi topi erano male rendendo i neuroni. La questione era se poteva essere fissato e rivolse a"  ".

Il P7C3 ottenuto non solo la formazione di nuovi neuroni, ma i record elettro fisiologici ha dimostrato che questo processo è stato rilanciato nella regione giro di rotazione. "Così, abbiamo la prova che è possibile creare nuovi neuroni che funzionano", ha detto McKnight.

P7C3 trattamento prolungato nei ratti anziani anche riuscita ad aumentare la nascita di nuovi neuroni. Secondo Pieper, "ratti anziani in genere sperimentano una riduzione della neurogenesi associata con l'incapacità di formare nuovi ricordi e imparare nuovi compiti." Ratti trattati con P7C3 ogni giorno hanno mostrato evidenza di un aumento nella formazione di nuovi neuroni e miglioramenti significativi nella loro capacità di nuotare, un test standard utilizzato nell'apprendimento e nella memoria in ratti.

La chiave del successo di questo trattamento è stato principalmente proteggere i neuroni, come indicato da questi ricercatori. Il normale processo mediante cui nuovi neuroni sono incorporati nel cervello come cellule mature è lungo e rischioso. "Spendere un sacco di tempo tra due e quattro settimane, dalla nascita fino a quando un nuovo neurone diventa un neurone funzionante," McKnight, il quale ricorda che "molti muoiono lungo la strada", ha detto. Il P7C3 sembra fondamentalmente dare più possibilità ai neuroni neonati. I ricercatori hanno detto che altri due composti dimebon e le strutture Serono-composito simile a quello di P7C3-anche contribuito a generare nuovi neuroni.

Come si vede, c'è sempre speranza. E 'l'ultima cosa da perdere !

Un valido aiuto "NATURALE" x RIGENERARE NEURONI 
è l'apporto costante di vitamine integratori i migliori al mondo sono della società :

 GNLD NEOLIFE tra i quali :


° TRE

° FORMULA IV 

° FORMULA IV PLUS 

° ALOE VERA PLUS 

° NEOLIFE TEA

……………………………………………


aiutano a MIGLIORARE la MEMORIA 

combattere la STANCHEZZA FISICA

prevenire l' ALZHEIMER  

prevenire il PARKINSON

















































x acquisti o x diventare distributor

telefono 02 90725686   ---  

 cellulare 349 5256058 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


email :  gnld-golden-neolife@mail.com


'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''





Nessun commento:

Posta un commento