Translate

lunedì 8 dicembre 2014

55.000 nuovi casi diagnosticati ogni anno al COLON-RETTO

55,000

Nuovi casi diagnosticati ogni anno in Italia al colon-retto

  • Maschi57%
  • Femmine43%

Sintomi del tumore al colon:

Cambiamento delle abitudini intestinali – Ogni persona ha delle abitudini intestinali che sono di solito fissi. Ci sono quelli che hanno il movimento intestinale ogni giorno o due volte al giorno e di coloro che li hanno ogni due o tre giorni. Tali situazioni sono considerate normali quando è la routine per quella persona. Cambiamento delle abitudini intestinali significa che per quella persona si è verificato un cambiamento in entrambi i sensi, più o minore frequenza di svuotamento che si verifica senza un cambiamento significativo nella dieta.

Sangue nelle feci – sangue nelle feci può essere di due tipi: sangue fresco, di colore rosso brillante, e il più delle volte il sangue macchia anche la carta igienica o la toilette, o la comparsa di sangue che non è fresco e di solito dà ai feci colore scuro. Va notato che un cambiamento nella dieta o consumare alcuni alimenti come il cavolo rosso o barbabietola o assunzione di farmaci che contengono ferro, può causare feci scure, ed è importante verificare che il colore scuro non è causato da tali fattori esterni. Comparsa di sangue fresco (colore rosso) nelle feci è associato con la maggior parte dei casi di emorroidi che sono una dilatazione delle vene nella regione anale e loro lesione da ingredienti duri contenuti nelle feci come cereali, e la conseguente emorragia. Le emorroidi sono di solito accompagnate da una sensazione sgradevole nell’ano e prurito ma sangue fresco trovato nelle feci può anche derivare da malattie infiammatorie dell’intestino (colite ulcerosa, esacerbazione di Crohn, diverticolite) o tumori, in particolare del retto (l’ultima parte del colon). Evento di sanguinamento richiede un esame medico, e in assenza di una chiara individuazione delle emorroidi (o fessura) richiede una colonscopia (e secondo l’età e stato di salute del paziente può essere necessario eseguire la colonscopia anche dato una constatazione di emorroidi o ragadi anali).
Negli individui ad aumentato rischio di cancro al colon è consuetudine eseguire la colonscopia in caso di sanguinamento rettale, dato anche il ritrovamento di emorroidi. Il medico curante valuta il rischio complessivo e i risultati degli ultimi esami e deciderà sulla necessità e la frequenza della colonoscopia.




Dolore addominale – dolore addominale è un sintomo generale di un evento nell’addome e può anche essere presente in malattie infettive come la polmonite, o originare dal cuore o dei grossi vasi sanguigni o può anche essere un dolore riferito da lesioni spinali o di una malattia del midollo. Il dolore addominale può avere origine nel tratto gastro-intestinale (GI), la sua parte superiore (stomaco), organi addominali (fegato, milza, cistifellea, pancreas, linfonodi, i grandi vasi sanguigni come l’aorta), le vie urinarie e genitali e può anche essere dolore di origine muscolo-scheletrico (proiezione del dolore dalla colonna vertebrale). Posizione e natura del dolore, (dolore costante, bruciore, dolore irregolare, dolore cambiando la posizione, ecc.) possono, insieme con altri sintomi indirizzare il medico al possibile fonte del dolore e la prosecuzione della valutazione diagnostica . Dolore addominale da un tumore nell’intestino non è comune, e certamente non è in cima alla lista delle diagnosi differenziale del dolore addominale.
L’anemia da carenza di ferro - carenza di ferro è abbastanza comune nei bambini e nei giovani adulti, ma anche negli adulti. La causa più comune di anemia da carenza di ferro (anemia significa diminuzione dell’emoglobina) è nutrizionale, vale a dire una mancanza di prodotti contenenti ferro nella dieta di routine. Un altro motivo comune è la presenza del batterio chiamato Elicobacter pilori nello stomaco o nel duodeno che provoca un’ulcera e un’infiammazione della mucosa gastrica e quindi l’assorbimento del ferro è ridotto. L’indagine per le cause della mancanza di ferro include una valutazione delle fonti di ferro nella dieta escludendo altre ragioni per un apporto carente o perdita di ferro. Secondo l’età e del livello di rischio personale può essere richiesto di compiere un esame di colonscopia e la revoca di malattia intestinale compresa malignità.
GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGG

WHEATH GERM OIL  GNLD NEOLIFE

contiene FERRO NATURALE estratto dal 

GERME di GRANO 



Risultati fortuiti – Il tumore intestinale può essere diagnosticato casualmente come un reperto accidentale durante l’esecuzione di test di radiologia di altri organi per altri motivi, o per la prova di allargamento dei linfonodi regionali; o quando le lesioni sospette, per essere una metastasi si trova in loro (ad esempio il fegato).

La diagnosi del cancro al Colon:

La diagnosi del cancro al Colon è fatta solitamente  usando colonscopia che include prelievo di un campione (biopsia) dalla zona sospetta da una massa, polipo o qualsiasi altra constatazione sospetta, al fine di stabilire definitivamente l’esistenza di un tumore. La diagnosi può essere fatta anche da test di radiologia come la TAC o radiografia con mezzo di contrasto nell’intestino.
Colonscopia – Questo è un test invasivo che richiede cooperazione e preparazione del paziente. Il test si basa sull’osservazione diretta del lume del colon e prelevando un campione se necessario. Il test è utilizzato per la diagnosi di una malattia nel caso ci sia un sospetto, nonché per la prevenzione e la diagnosi precoce del cancro del colon in persone sane. Il semplice fatto che la colonscopia è un esame invasivo significa che ci sono alcuni rischi nello svolgimento di questo esame, in particolare un rischio di danni alla parete intestinale. Nelle persone che, a causa di un’altra condizione medica, stanno assumendo farmaci anti-aggregazione piastrinica (come l’aspirina, warfarina o Clopidexel) il test dovrebbe essere fatto dopo la fermata di assunzione di questi farmaci, se tale interruzione è possibile.
La colonscopia richiede la piena collaborazione del paziente nella fase preparatoria, ma non durante la prova stessa, dove il paziente riceve una breve sedazione. La preparazione prevede lo svuotamento intestinale e lavaggio intestinale da lassativi e di farmaci per lo svuotamento due giorni prima della prova e l’assunzione di quantità relativamente grande di liquidi (ancora una volta, secondo lo stato generale del paziente e le co-morbilità che possono limitare o costringere un altro tipo di preparazione). Più pulito l’intestino sarà più probabile che il test può meglio rilevare piccole lesioni o tumori. L’esame dipende anche dalla qualità delle attrezzature mediche e l’abilità del medico che lo esegue.
Sigmoidoscopia – E ‘un altro test invasivo che ha gli stessi principi di colonscopia, ma in questo caso, uno strumento più corto viene introdotto nell’intestino che può esplorare solo parte dell’intestino. Oggi, l’uso di questo test è decrescente perché la posizione anatomica dei tumori sta cambiato negli ultimi anni per il lato destro del colon che non può essere rilevata da quest’esame e a causa della diffusa competenza e la disponibilità della colonscopia. In passato è stato utilizzato un sigmoidoscopio rigido per eseguire l’esame e poi con uno flessibile. Oggi, data la possibilità di utilizzare la colonscopia, i medici spesso preferiscono quest’ultimo.
Colonscopia virtuale – questa è una TAC dedicata dell’intestino e il suo vantaggio è che si tratta di una procedura non invasiva a un livello di radiazione inferiore a quello di normale TAC addominale. La sensibilità del test (cioè la capacità del test di distinguere tumori quando sono) è sufficientemente elevata, in corrispondenza ai livelli di sensibilità della colonscopia invasiva. La preparazione per il test è la stessa preparazione e il vantaggio del test è che non è invasivo e quindi più adatto a persone con co-morbilità che non possono assumere la colonscopia invasiva. Inoltre, il test è destinato anche a persone che hanno un intestino particolarmente contorto (di solito quelli che hanno iniziato un test invasivo che è stato sospeso a causa di possibili danni alla parete intestinale a causa struttura inusuale del colon). Uno dei principali svantaggi del test è che è “virtuale” significa che se un reperto sospetto viene rivelato, è necessario eseguire una colonscopia regolare o chirurgia per rimuoverlo e inviarlo per il test.
Marcatori tumorali per il tumore del colon – Prima di tutto dobbiamo ricordare che i marcatori per il cancro non possono stabilire da soli una diagnosi a causa della loro relativamente bassa sensibilità e specificità e quindi l’uso di marcatori è nel monitoraggio dei pazienti in termini di successo del trattamento. I marcatori possono fornire un supporto aggiuntivo per l’approfondimento diagnosi, ma non determinare la diagnosi. Il marcatore principale associato al cancro del colon è CEA – antigene carcino-embrionale (indicatore i cui valori possono essere anche ad alto contenuto di malattie del fegato, gastrite, diabete o malattie infettive croniche). Altri marcatori indiretti che spesso sono usati sono il CA19-9, il marcatore tumorale principale del cancro al pancreas, e AFP-Alfa-Feto-proteina che viene comunemente utilizzato per il cancro del fegato.







Valutazione dello stadio del cancro al colon:

 Lo stadio della malattia al momento della diagnosi è il singolo elemento più importante nelle decisioni di trattamento (come trattare il paziente) e nel valutare la prognosi (probabilità di progressione o di ritiro della malattia e le sue conseguenze in termini di mortalità, nonché la qualità della vita).
Ci sono diversi metodi per valutare lo stadio al momento della diagnosi nei tumori del colon-retto; alcuni sono metodi più generalizzati più specifici e altri, adattate alla malattia. Il metodo più comunemente utilizzato è il sistema TNM che comprende tre elementi: T – tumore ossia una valutazione fisica di dimensione del tumore in centimetri; N – Nodi (valutazione dei linfonodi) che quantifica i linfonodi coinvolti vicino alla zona del tumore e l’apprezzamento del loro numero; M – metastasi, l’esistenza di metastasi a distanza del tumore.
Come parte del percorso diagnostico una valutazione di tutte queste variabili viene effettuata e per ciascuno di essi viene dato un punteggio. Terminologia di questi punteggi comprende “x” e un numero d’incremento (da 0 a 3 o 4). Gruppo x ha il senso che non vi è alcuna informazione per quella variabile (‘Nx’ o ‘Mx’ significa che non ci sono dati riguardanti il coinvolgimento dei linfonodi o metastasi), Gruppo 0 quando la variabile non esiste o che indica un tumore di piccole dimensioni (ad esempio: ‘No’ significa alcun coinvolgimento linfatico e ‘M0′ significa nessuna metastasi) e gruppi da 1 a 4 che esprimono, in ordine crescente, la gravità o dimensione del tumore (tumore T4 è più grande di uno classificato T3).
Ad esempio,’Tx’ significa che non ci sono informazioni sulla dimensione del tumore, ‘Tis’ indica tumore In-Situ che vuole dire un tumore localizzato e tumori piccoli, ‘T1′ indica tumore con infiltrazione locale e così via per ‘T4′, che è un grande tumore. Pertanto ‘Nx’ indica alcuna informazione circa il coinvolgimento linfonodale,’No’ significa alcun coinvolgimento linfonodale, ‘N1′ indica 1-3 nodi (ed è diviso in ‘N1a’ e ‘N1B’ marcatura uno o 2-3 nodi), ‘N2′ indica il coinvolgimento di quattro o più ghiandole linfatiche, ed è diviso in ‘N2a’ e ‘N2b’ marcatura di 4-6 nodi o più di sette (nel caso di ‘N2b’). Allo stesso modo ‘Mx’ indica nessuna informazione,’M0′ denota nessuna metastasi a distanza, e ‘M1′ indica l’esistenza di metastasi (e un sub-raggruppamento si riferisce ad una singola metastasi organo, ‘M1a’ o più organi ‘M1b ‘).
Questi dati sono riassumti in ‘stadio della malattia al momento della diagnosi’ raggruppati in cinque gruppi: stadio 0 (che significa un cancro localizzato – In-Situ), e gruppi 1, 2, 3 o 4. Ad esempio, la fase IIc (stadio 2c, le fasi sono contrassegnate con lettere romane) che esprime tumore T4b, No, M0 che significa un cancro al colon che invade organi adiacenti (T4b) senza coinvolgimento linfonodale regionale e senza metastasi a distanza.

Ottima prevenzione prendere integratori naturali a base di ferro come :

FORMULA IV GNLD NEOLIFE
























prodotti creati in esclusiva GNLD 

GOLDEN NEOLIFE dal team di 

SCIENZIATI del S A B 






















ACIDOPHILUS PLUS neolife                                                           

FERMENTI LATTICI x mantenere la FLORA BATTERICA 

x acquisti o x diventare distributor                                                


telefono  02 90725686 

cellulare 349 5256058 


Francesca Modugno distributor 

rappresentante GNLD 

INTERNATIONAL GOLDEN PRODUCTS 


NEOLIFE dal 1075





www.gnld-goldenproducts.blogspot.it


www.golden-natural-life.com





x acquisti o x diventare distributore 

telefono:  349 5256058 

su facebook : https://www.facebook.com/profile.php?id=100009348543372





Nessun commento:

Posta un commento