Translate

mercoledì 18 marzo 2015

Quando lo SPORT logora l' ANCA !


Quando lo sport logora l'anca
















L'artrosi non è una malattia tipica solo della terza età: colpisce spesso anche i giovani, e tra i maschi sono i più sportivi amid esserne penalizzati. La michirurgia mininvasiva artroscopica aiuta ad evitare, o almeno a ritardare, il ricorso alle protesi. Chirurghi da tutto il mondo hanno fanno il punto in Humanitas. Ecco i 7 consigli per allontanare il rischio di artrosi.



  
L'artrosi è la malattia cronica più diffusa tra gli over 75 nel nostro Paese e colpisce soprattutto le donne (circa il 60%contro il 40% degli uomini). Nel caso dell'anca, in particolare, l'artrosi porta ad una degenerazione della cartilaginedell'articolazione coxo-femorale, la cavità destinata ad accogliere la testa del femore, con conseguenze invalidanti come dolore e difficoltà nei movimenti. Il risultato è un dolore intenso all'inguine che si irradia al ginocchio e all'anca, talvolta anche al gluteo. Se non trattato precocemente, quel dolore può portare a consumare l'articolazione e rendere necessario l'intervento di protesi con sostituzione dell'articolazione in giovane età.




L'artrosi dell'anca colpisce anche i giovani, attenzione alla cartilagine


Fino a pochi anni fa l'artrosi dell'anca veniva considerata una patologia tipica della terza età. In realtà, secondo il Riap (Registro italiano artro-protesi) sono oltre 90.000 le persone affette da artrosi che ricorrono all'intervento di protesi d'anca. Tra queste anche giovani, prevalentemente maschi quarantenni e sportivi. Sembra infatti che un'eccessiva e intensa attività sportiva prolungata, possa costituire un fattore di rischio per una precoce usura della cartilagine, una membrana elastica ma molto resistente che favorisce ogni movimento articolare; il risultato è lo sfregamento delle ossa che compongono l'articolazione con conseguente dolore tipico dell'artrosi dell'anca.
"Oggi l'obiettivo degli specialisti - spiega Grappiolo - è trovare le soluzioni più adatte per il singolo paziente, tenendo conto della sua età e della gravità della situazione. In generale per il trattamento delle patologie degenerative dell'anziano, in buona salute, la soluzione migliore è la protesi, che garantisce efficienza per un numero adeguato di anni. Nel giovane invece vanno considerati, quando possibile, trattamenti alternativi, di chirurgia conservativa. Quest'ultima può essere praticata a cielo aperto oppure con tecnica mininvasiva artroscopia, scegliendo in base ad un algoritmo diagnostico la terapia più adatta".

Interventi all'avanguardia per prevenire la protesi d'anca in giovane età


L'artroscopia d'anca è una tecnica di intervento innovativa che permette di correggere, in modo mininvasivo, le cause di dolore all'anca come il conflitto tra femore e acetabolo che porta alla distruzione della cartilagine. "L'intervento - spiega Grappiolo - prevede 3 piccoli fori di circa 5 millimetri ciascuno per l'accesso di una minuscola video-sonda che permette la visione globale dell'articolazione. In questo modo, il chirurgo è in grado sia di valutare de visu la causa del dolore sia di intervenire per risolverla.
Prima dell'intervento è fondamentale una corretta e precisa diagnosi: in Humanitas disponiamo di artro-risonanza ad alta definizione, esame diagnostico imprescindibile per pianificare un'adeguata correzione e prevedere il risultato dell'intervento.




tempi di recupero dopo l'intervento in artroscopia sono di circa 2 mesi, e dopo 3-6 mesi è possibile riprendere appieno l'attività agonistica, che invece sarebbe sconsigliata nel caso di sostituzione dell'anca con una protesi". I benefici per il paziente sono importanti. Innanzitutto la mini-invasività dell'intervento, che comporta cicatrici minime - solo tre piccoli fori sulla pelle per l'inserimento della video sonda - e ridotti tempi di recupero e ritorno alle normali attività quotidiane, perché muscoli e tessuti non vengono recisi durante l'intervento. Inoltre, è possibile risolvere il dolore già in sede di artroscopia e senza necessità di ulteriori interventi. La riabilitazione, infine, è prevista solo in alcuni casi, su indicazione del chirurgo.

7 consigli per allontanare il rischio di artrosi


  • evitare il sovrappeso: se sottoposte a un carico di peso eccessivo, le articolazioni vanno incontro a degenerazione progressiva e quindi artrosi.
  • svolgere una moderata attività fisica: le articolazioni, se sollecitate eccessivamente da un'intensa attività sportiva, vanno incontro a usura, soprattutto in presenza di malformazione dell'anca.
  • evitare di danneggiare le articolazioni: dopo i 40 anni, calcio, calcetto, rugby, corsa, anche jogging, e tennis se praticati con frequenza, sono gli sport che più di altri tendono a danneggiare le articolazioni perché richiedono movimenti ripetitivi e prolungati nel tempo.
  • scegliere lo sport giusto: nuoto, bicicletta, golf, camminate anche in montagna, pilates e yoga sono gli sport che mantengono in salute le articolazioni; anche la cyclette e il tapis roulant possono aiutare a mantenersi in forma durante il periodo invernale.
  • evitare la sedentarietà: l'inattività porta all'irrigidimento dell'articolazione con conseguente dolore al movimento.
  • mangiar sano: una dieta sana ricca di vitamine, in particolare A, C, K, B12, omega3, e povera in proteine animali è l'ideale per mantenere sane le articolazioni oltre a ridurre il rischio di sovrappeso.
  • ridurre l'assunzione di alcool, caffè e sale: questa triade riduce l'assorbimento del calcio e favorisce la decalcificazione delle ossa lunghe con aumento del rischio di osteoporosi, artrosi e fratture.

Il Convegno in Humanitas


Oggi tecniche diagnostiche e trattamenti chirurgici innovativi hanno modificato l'approccio alla malattia, in particolare nei giovani. Di trattamenti all'avanguardia per la cura dell'artrosi dell'anca se n'è parlato nel corso di un convegno in Humanitas, al quale hanno partecipato i massimi esperti del settore. Fra loro Guido Grappiolo, responsabile dell'Unità Operativa di Chirurgia dell'Anca e Chirurgia Protesica di Humanitas, Richard Villar (Cambridge, UK), uno dei maggiori esperti mondiali di chirurgia conservativa dell'anca, fondatore e presidente della Società Internazionale di Artroscopia di anca, e Michael Leunig, responsabile del Dipartimento di Chirurgia dell'Anca della Schulthess Clinic di Zurigo e autore di numerose pubblicazioni.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
I MIGLIORI INTEGRATORI x PREVENIRE e CURARE 

l' ARTROSI sono : GNLD NEOLIFE 

OMEGA 3 PLUS  olio di salmone




KAL MAG plus D   calcio & magnesio  





 








I MIGLIORI INTEGRATORI x PREVENIRE e CURARE 

l' ARTROSI sono : GNLD NEOLIFE 

OMEGA 3 PLUS  olio di salmone

KAL MAG plus D calcio & magnesio  


   FULL MOTION molluschi zinco 

glucosamina 









































x acquisti o x diventare distributori 

telefono 02 90725686

cellulare  349 5256058

https://www.facebook.com/profile.php?id=100009584502308











x acquisti o x diventare distributore 

telefono uff : 

 02 90725686

cellulare :  349 5256058

Nessun commento:

Posta un commento